Cohousing Multigenerazionale

Il cohousing multigenerazionale è di gran lunga l’approccio più comune. Alcuni potrebbero chiamarlo semplicemente “cohousing”. Vivere insieme attraverso le generazioni ha benefici per tutte le età. Quelli in diverse fasi della vita tendono ad avere diversi bisogni e capacità di aiutarsi a vicenda. L’anziano che non è più in grado di guidare può essere la persona perfetta per tenere d’occhio uno studente di scuola media, per lo più indipendente, la cui madre lavora nel pomeriggio e va a fare la spesa per entrambe le famiglie mentre torna a casa.

 

A molti anziani piace stare con i bambini piccoli, specialmente se i loro nipoti sono lontani o non più giovani. Allo stesso modo, i bambini traggono beneficio dalle relazioni con gli anziani, dato che hanno sempre meno probabilità di avere nonni vicini.

I bambini nel cohousing beneficiano di amicizie con persone di tutte le età. Nelle ore dopo la scuola, gruppi di bambini si raggruppano nelle aree comuni per arrampicarsi sugli alberi, lanciare palle e condividere il gioco del giorno. Le giornate di lavoro vedono tutte le età lavorare insieme per completare il lavoro che deve essere fatto, abbinando abilità, forza e interesse ai compiti da svolgere. I bambini imparano da una vasta gamma di adulti che modellano diversi interessi, filosofie e stili di vita. I genitori che hanno poco tempo non hanno bisogno di andare in macchina a fare delle attività che trovano già a casa.

Gli adolescenti e i giovani adulti servono da modello per altri ragazzi e guadagnano esperienza lavorativa e commerciale facendo lavori saltuari, cura degli animali e babysitting per altri che ne hanno bisogno. Gli adolescenti e i loro datori di lavoro beneficiano di questi accordi, così come l’ambiente, dato che questi servizi non richiedono l’uso di mezzi di trasporto.