‘È come una famiglia’: l’esperimento abitativo svedese progettato per curare la solitudine

Un nuovo schema radicale offre case a diverse età e provenienze – e insiste che si mescolino (in modo sicuro)

di Derek Robertson, The Guardian – 15/09/2020 (Traduzione di Marco Giustini)

Erik Ahlsten è inequivocabile. “Questa è la migliore sistemazione che abbia mai avuto”. Il suo amico e vicino Manfred Bacharach è altrettanto entusiasta. “Mi piace molto questo modo di vivere”, dice. “È proprio la mia tazza di tè”.

I due si riferiscono alla loro nuova casa, Sällbo, un esperimento radicale di vita multigenerazionale a Helsingborg, una piccola città portuale nel sud della Svezia. Il suo nome è un portmanteau delle parole svedesi per compagnia (sällskap) e vita (bo), e racchiude perfettamente gli obiettivi del progetto – combattere la solitudine e promuovere la coesione sociale dando ai residenti incentivi, e gli spazi, per un’interazione produttiva.

Sällbo, che ha aperto lo scorso novembre, consiste in 51 appartamenti distribuiti su quattro piani di una casa di riposo ristrutturata. Più della metà dei 72 residenti sono ultrasettantenni, come Ahlsten e Bacharach; il resto ha un’età compresa tra i 18 e i 25 anni. Tutti sono stati selezionati dopo un ampio processo di interviste per assicurare un mix di personalità, background, religioni e valori, e tutti hanno dovuto firmare un contratto promettendo di passare almeno due ore alla settimana a socializzare con i loro vicini.

“Un nuovo modo di vivere”, proclama audacemente il sito web di Sällbo, aggiungendo che è dove “generazioni e culture si incontrano, con la vita sociale al centro”. Il progetto è gestito da Helsingsborgshem, una società di alloggi senza scopo di lucro finanziata dal consiglio comunale, e nasce da un’idea avuta nel 2016 tra la preoccupazione per la solitudine tra i gruppi di anziani. Gli svedesi sono ferocemente indipendenti – i giovani iniziano a vivere da soli prima che in qualsiasi altra parte d’Europa – una caratteristica che continua nella vecchiaia; grazie alla politica pubblica e a una vasta gamma di servizi comunali molti anziani scelgono di rimanere nelle loro case.

Eppure il senso di isolamento rappresenta un vero “pericolo per la salute”, secondo il Karolinska Institute, e rimane prevalente tra i pensionati. “La nostra ricerca ha mostrato che gli anziani si sentivano isolati dalla società e si sentivano molto soli nella loro vita quotidiana”, dice Dragana Curovic, responsabile del progetto a Sällbo. “Si mescolavano solo con altri della stessa età”.

Allo stesso tempo, la crisi dei rifugiati del 2015 ha fatto sì che organizzazioni come Helsingsborgshem fossero sotto pressione per ospitare un numero crescente di persone che stavano lottando per integrarsi e farsi accettare dalla società svedese. Così è stato concepito un piano per mescolare le due cose, con i giovani svedesi che agiscono “come un ponte”. “Sono più vicini per età ai rifugiati, ma più vicini in termini di cultura e lingua agli anziani”, dice Curovic. “Speravamo che li facessero incontrare”.

Anche se ha meno di un anno, e nonostante le complicazioni di una pandemia, l’accordo sembra funzionare per giovani e vecchi. Un residente, un ex insegnante di 92 anni, ha dato lezioni di inglese. Ahlsten e Bacharach hanno cucinato cene comuni, fatto riparazioni e lavori strani, e portato in giro la gente; Bacharach ha insegnato a un residente, un rifugiato afgano, a guidare. In cambio, i residenti più giovani aiutano con la tecnologia moderna e i social media, e come trovare informazioni online.

“È una vera comunità”, dice Ahlsten, “e il mix di persone funziona molto bene”. Bacharach è d’accordo. “È bello fare cose insieme e godersi la compagnia degli altri”, dice. Da quando si è trasferito, si è unito al gruppo di giardinaggio, al club cinematografico della domenica sera e ha imparato a giocare a Canasta. Ci sono fogli di iscrizione nelle aree comuni e gruppi Facebook dedicati a tutte le varie attività; altrettanto importante, c’è molto spazio.

C’è una palestra, una sala yoga, una biblioteca (fornita di libri dei residenti stessi) e una grande cucina comune su ogni piano. Lo studio di arti e mestieri è pieno di colori, lana e altro materiale creativo, mentre i residenti stessi hanno trasformato uno spazio in un laboratorio, completo di strumenti e attrezzature (uno dei pensionati, un ex capitano di mare, si è reinventato come argentiere). Anche la sala principale al piano terra è uno spazio multifunzionale, con attrezzature hi-fi, calcio balilla e un pianoforte, donato da uno dei residenti in modo che “tutti possano sperimentare la sua gioia”; lei spera di dare lezioni.

L’edificio comprende una palestra, una sala yoga, una biblioteca, una grande cucina comune su ogni piano, uno studio di arti e mestieri e un laboratorio.

Gli affitti variano da 4.620 a 5.850 corone svedesi (da 409 a 518 sterline) al mese, il che è commisurato ad appartamenti ad affitto controllato di dimensioni simili in città (gli affitti privati con una camera da letto in centro costano tra 7.000 e 10.000 corone svedesi).

Ali Soroush, 21 anni, rifugiato afgano, e Isabel Tomak-Eriksson, nativa svedese, sono una delle poche coppie. Soroush è arrivato nel 2015 ed è uno dei rifugiati che Helsingsborgshem aveva in mente quando ha concepito Sällbo. Dice che gli ricorda la sua cultura, con persone – in particolare generazioni diverse – che vivono e socializzano insieme e si aiutano a vicenda. “L’intero edificio è come una famiglia”, dice.


Naturalmente, la vita intergenerazionale comporta il rischio di alcune tensioni, ma finora sono state minime. Helsingsborgshem ha nominato un “padrone di casa” a tempo pieno, per agire come facilitatore e moderatore – per “sentire l’atmosfera e sgonfiare la tensione” dice Curovic – ma hanno avuto poco da fare. Infatti, il rispetto e la comprensione reciproca sono fioriti; non c’è stata né una festa eccessiva, né un pedante battibecco.

“Puoi sempre chiudere la porta e rilassarti o dormire”, dice Ahlsten. E mentre Tomak-Eriksson nota la responsabilità che ognuno sente come residente di Sällbo, dice che è tutt’altro che noioso. “Prima di Corona, c’erano sempre feste. Ogni fine settimana c’era il compleanno di qualcuno o qualche celebrazione, e c’era sempre gente in giro – tutti avevano un sacco di visitatori”.

Questa “unione” pianificata è stata utile ai residenti anche durante la pandemia – la minaccia della malattia ha ridotto molti degli aspetti sociali di Sällbo, in particolare tra gli anziani. Non ci sono ancora stati casi, ma nessuno corre rischi: alcuni entrano in quarantena da soli, e quelli che continuano a incontrarsi lo fanno in gruppi più piccoli e in zone più grandi.

“Il coronavirus ha cambiato tutto, ma io ho avuto da fare”, dice Ahlsten, che sta facendo commissioni e acquisti per coloro che sono riluttanti ad avventurarsi in pubblico. Anche Soroush e Tomak-Eriksson; “Abbiamo offerto il nostro aiuto a chi ne aveva bisogno”, dice. “Tutti i giovani l’hanno fatto”. E pur essendo vigili, e seguendo le linee guida sulla distanza e l’igiene delle mani, altri sono più ottimisti. “Non è impegnativo, solo noioso”, dice Bacharach quando gli viene chiesto come l’ha affrontato. “Stiamo solo aspettando che finisca”.

Anche prima della pandemia, Sällbo aveva attirato l’attenzione sia in Svezia che a livello internazionale. Tre comuni stanno lavorando per implementare direttamente il concetto, e molti altri stanno considerando idee simili. Una delegazione del Canada l’ha visitata a febbraio, mentre altri dall’Italia, dalla Germania e dalla Corea del Sud si sono messi in contatto per missioni di studio.

Speriamo che la gente veda che i giovani di altri paesi non sono da temere”: Dragana Curovic, responsabile del progetto.

Con la solitudine in aumento e considerata un vero rischio per la salute – il più grande quotidiano svedese Dagens Nyheter ha chiesto all’inizio di quest’anno se fosse “una nuova epidemia” – progetti come Sällbo sono visti sempre più come una soluzione olistica all’isolamento, all’eccessiva dipendenza dai servizi pubblici e alla tendenza, anche tra gli anziani, a un uso sempre meno sano di internet (il wifi è gratuito nelle aree comuni, ma gli inquilini devono pagare un extra per collegarsi nei loro appartamenti).

“Speriamo che la gente veda che i giovani di altri paesi non sono da temere, e che si possono avere relazioni del tutto normali tra giovani, anziani e altre persone”, dice Curovic dell’obiettivo finale di Sällbo. “Vogliamo che questo si diffonda nella società in generale, e che aumenti la volontà d’integrazione. E sta cominciando a succedere”.

Soroush ha visto questo cambiamento in prima persona. “Nel mio vecchio condominio, anche dopo un anno e mezzo non conoscevo nessuno dei miei vicini”, dice. “Ma qui, dal primo giorno, conosci tutti. Ci si sente come a casa”.

Non abbiamo azionisti né proprietari miliardari. Solo la determinazione e la passione di fornire un servizio di grande impatto per il mondo, sempre libero da influenze commerciali e politiche. Un reportage come questo è vitale per la democrazia, per l’equità e per chiedere di meglio ai potenti. E noi forniamo tutto questo gratuitamente, per tutti, indipendentemente dalla loro capacità di pagare.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *