Differenze tra consenso di gruppo e sociocrazia

Nel corso degli anni, decine di comunità di cohousing in tutto il mondo hanno adottato la Dynamic Governance (DG, internazionalmente nota come sociocrazia) come modello di governance. La mia comunità ha adottato la DG nel 2012, dopo 18 anni di consenso dell’intero gruppo. Per puro caso, mi sono iscritto subito dopo.

Quindi, cosa c’è di diverso in DG rispetto al consenso del gruppo intero? In DG, le decisioni sono messe in piccoli gruppi, distribuiti e trasparenti, invece di decidere tutto insieme in un grande gruppo. Questi piccoli gruppi sono i responsabili delle decisioni su qualsiasi cosa gli “diamo” come dominio su base continua.

Questo è diverso da quello a cui alcune persone sono abituate. Mentre ci sono sostenitori di entrambe le strategie – “decidiamo tutto insieme” contro “decentriamo e concentriamoci” – è evidente che le esperienze delle comunità sociocratiche saranno diverse da quelle gestite con il consenso del gruppo intero.

Ecco le principali differenze che posso indicare:

Onboarding. Non possiamo aspettarci che le persone sappiano come funziona DG quando si trasferiscono come nuovi vicini, quindi sta a noi assicurarci che le persone vengano formate. (E nella mia esperienza, imparare per osmosi non è sufficiente per imparare DG e capire perché usiamo certi processi).
Il processo decisionale in piccoli gruppi ci dà l’opportunità di usare processi diversi e inclusivi come i round. I round possono richiedere un po’ di tempo per abituarsi e prendere nuove sfumature di abilità di facilitazione per i facilitatori.

Dinamica piccolo gruppo – grande gruppo. Le persone che si trasferiscono nel cohousing di solito vogliono sperimentare la loro comunità come un tutto. Per molti, questo significa che godono di esperienze in cui tutti si riuniscono. Per le comunità che governano con il consenso dell’intero gruppo, le riunioni della comunità servono a questo bisogno, ma le riunioni dell’intero gruppo incentrate sul processo decisionale possono essere tese e difficili. Nel processo decisionale decentralizzato in piccoli gruppi, le riunioni plenarie potrebbero ancora esistere, ma servono a scopi diversi: feedback, educazione e costruzione della comunità. Vale la pena di esplorare il potenziale delle riunioni di tutto il gruppo nella DG per fare un buon uso delle riunioni di tutti i membri.

Inoltre, il flusso di informazioni deve essere esaminato. Mentre probabilmente non è vero assumere che nel processo decisionale di un grande gruppo tutti sanno cosa sta succedendo in ogni aspetto della comunità, è ancora meno vero nel processo decisionale decentralizzato. Per citare il mio collega Jerry Koch-Gonzalez: “Quando la nostra comunità usava il consenso del gruppo intero, tutti sapevano quanto poco stavamo facendo. In DG, nessuno sa quanto stiamo facendo”. Una battuta accattivante, ma c’è una profonda verità in essa: tenere le persone informate a volte sembra una battaglia in salita, dato quante parti in movimento ci sono e quanta autonomia hanno i circoli per fare le cose.

Le informazioni non solo devono fluire dai circoli (aka comitati) ai membri della comunità, ma anche dai membri della comunità ai circoli, in modo che le decisioni possano essere prese da piccoli gruppi con il feedback di tutti in mente. Nella mia esperienza personale, il flusso di feedback avanti e indietro tra chi dà gli input e chi prende le decisioni è una danza che può essere tesa, o gioiosa e ricca.
L’interfaccia legale. Molte comunità hanno bisogno di operare con un consiglio ufficiale. Come si concilia il potere centralizzato di un consiglio con il processo decisionale decentralizzato di una comunità sociocratica? Ci sono diverse soluzioni che ho visto sul campo, ed è sicuramente un argomento che merita più indagini e la condivisione di buone pratiche.

Come ogni altro sistema che usiamo in una comunità, DG ha bisogno di manutenzione e lavoro di miglioramento di tanto in tanto. Come può una comunità gestire bene l’evoluzione del proprio sistema? Cos’è un “buon” sistema comunque, e come possiamo modificarlo e migliorarlo?

Per dare alle comunità sociocratiche un posto per parlare e condividere il loro particolare insieme di esperienze, l’organizzazione no-profit Sociocracy For All ospita una conferenza trilingue (inglese, spagnolo e portoghese) online sulla Sociocrazia in Comunità il 20 novembre. Le presentazioni riguardano la condivisione di esperienze e argomenti particolari che si applicano in particolare alle comunità sociocratiche, ma possono essere utili alle comunità indipendentemente dalla vostra scelta di governance – per esempio: come gestire i conflitti, o collegare il consiglio in un sistema di governance decentralizzato; come inserire nuovi membri quando la curva di apprendimento è più ripida del solito, e come usare bene le sessioni plenarie della comunità per la connessione e l’apprendimento condiviso.

La speranza è quella di condividere, perfezionare e ispirarsi a vicenda.

Autore: Ted Rau è un formatore, consulente e co-fondatore dell’organizzazione non-profit di supporto al movimento Sociocracy For All. È cresciuto nella periferia della Germania e ha studiato linguistica, letteratura e storia a Tubinga prima di conseguire il suo dottorato in linguistica nel 2010. Nell’ambito della sua carriera, si è trasferito negli Stati Uniti e ha realizzato un desiderio a lungo coltivato di vivere in una comunità intenzionale. Poiché una carriera in ambito accademico richiedeva più spostamenti di quanti ne volesse fare, ha lasciato il mondo accademico. Ted si identifica come uomo transgender ed è genitore di 5 figli. Vive nel cohousing della Pioneer Valley in Massachusetts.